Scoperta enogastronomica

La cucina friulana punta sulla genuinità e l’autenticità dei sapori nonché su una lunga e consolidata tradizione che garantisce prodotti gustosi e di qualità durante tutto il corso dell’anno: la zucca in autunno, le zuppe, i salumi e le carni in inverno, le erbette selvatiche col fiorire della primavera e durante l’estate per preparare frittate, risotti e gnocchi.

Durante tutto l’anno non mancheranno i formaggi, le cui infinite varietà rendono famoso il territorio. Sono ancora presenti e attive alcune delle antiche Latterie che continuano a produrre il loro formaggio, riconoscibile per la forma cilindrica e la pasta gialla e compatta.

Il formaggio Latteria è l’ingrediente indispensabile per la preparazione di una delle pietanze più note della regione: il frico, nella sua versione croccante, ideale per aperitivi e antipasti, e morbida, da abbinare a patate, cipolle o erbette.

Altrettanto saporiti e genuini sono i salumi, ottimi come antipasto, da abbinare al formaggio su una calda fetta di pane appena sfornato e magari preparato con la farina di mais di Mortegliano. Da provare la pancetta, l’ossocollo e il salame, che ancora fresco viene cotto con aceto e cipolla divenendo uno dei piatti tipici della zona.

Già nota a tutti è l’eccellente produzione vitivinicola friuliana, cui l’area del Medio Friuli contribuisce notevolmente in quanto rientra nella DOC Friuli Grave, la più vasta zona a denominazione controllata della regione. In quest’area è la conformazione del sottosuolo a determinare i caratteri dei vini: il calore del sole viene più facilmente assorbito dal terreno di giorno (data la sua composizione ghiaiosa) e sprigionato di notte. Questo ciclo mantiene una temperatura mite e costante e conferisce alle uve quelle qualità zuccherine dai toni aromatici inconfondibili che rendono il vino famoso in tutto il mondo.

Vai al catalogo dell'ospitalità e scegli dove scoprire i sapori del Medio Friuli