Mortegliano

comune di

Il territorio di Mortegliano è posto a ridosso della linea delle Risorgive ed è quindi caratterizzato da terreni particolarmente fertili e adatti alla coltivazione del mais, vero fiore all’occhiello della zona.

Anche la produzione di mele ha raggiunto ottimi livelli di qualità e negli ultimi decenni la forte professionalizzazione dei melicoltori friulani ha portato a sviluppare tecniche di coltivazione rispettose dell’ambiente e della salubrità del prodotto. È nata così l’Associazione per la Certificazione D.O.P. della mela friulana, nella frazione di Chiasiellis, alla quale aderiscono 21 aziende di produttori, trasformatori e confezionatori di mele con sede nelle province di Udine, Gorizia e Pordenone.

L’abitato di Mortegliano si è sviluppato intorno all’originario nucleo dell’antica cortina fortificata, in seguito demolita in favore dell’attuale e bellissimo Duomo dei SS. Pietro e Paolo dell'architetto Andrea Scala (1820-1893). L’edificio è di stile neogotico, con guglie e pinnacoli che si innalzano sugli otto angoli, mentre all’interno custodisce opere scultoree e dipinti di elevato pregio storico-artistico come, fra tutti, l’altare ligneo di Giovanni Martini (1475 ca. – 1535), autentico capolavoro del Rinascimento friulano realizzato fra il 1523 e il 1526 come ex voto per lo scampato pericolo dopo l’invasione turca del 1499. Svetta accanto al duomo il campanile più alto d’Italia, che offre una vista mozzafiato su tutto il territorio dall’alto dei suoi 113 metri. Di stile neogotico anche il palazzo municipale, realizzato dall’architetto Giovanni Santi tra il terzo e il quarto decennio del Novecento, che oggi ospita anche un ufficio di informazione e accoglienza turistica.

In pieno centro sorge villa dei Conti di Varmo, un tempo dimora nobiliare e oggi biblioteca comunale, sede di attività convegnistiche ed espositive. Sul retro, un ampio parco dove d’estate, all’ombra della Torre dell’Orologio, si svolgono interessanti iniziative culturali.

Non può mancare una visita al centro rurale di Chiasiellis, ad est di Mortegliano, dalla storia antica ed affascinante.

Mortegliano è il cuore di un’area ad elevata vocazione turistica ricca di attività alberghiere e ristorative, strutture sportive e per il tempo libero, come il campo da golf a nove buche situato all’interno di un complesso alberghiero a Chiasiellis o il circolo ippico del Comôr, punto dal quale gli esperti potranno partire per avventurose spedizioni a cavallo nelle campagne circostanti. Chi è attratto da feste e concerti musicali può informarsi sulle tante iniziative che si realizzano sul territorio, soprattutto nei mesi primaverili ed estivi.

Mortegliano garantisce l’eccellenza anche nell’ambito delle produzioni enogastronomiche, offrendo menù con prelibatezze rigorosamente locali e genuine come i piatti accompagnati dalla polenta, da ottimi vini e squisiti formaggi delle latterie presenti in zona.

 

torna indietro